Prurito


“Ogni giovane vive alcune difficoltà significative nella sua scoperta vocazionale” 


 

Ad un certo punto, nella vita quotidiana di un giovane, tra le mille tonalità delle proprie azioni, si fa breccia un pensiero, come la bellezza di un nuovo giorno. Forse ci si pongono quelle considerazioni esistenziali del tipo: «Che senso ha la mia vita? Perché sono nato proprio in questo Paese? E poi, che cosa c’è dopo questa vita? E io, a che cosa sono chiamato? E se ci fosse un altro cammino per me?». Sono pensieri che vanno e vengono, ma ci fanno scoprire nuovi orizzonti e ci incuriosiscono nella ricerca, con colori tenui e intermittenti. 

Sentimento: normalmente, il sentimento che ci lasciano questi pensieri è la pace del cuore. Forse, come quella che, in una notte d’estate, proviamo al contemplare le stelle del firmamento: serenità e desiderio di ricerca ulteriore. 

Consiglio: non c’è molto da dire. Nella vita di tutti i giovani ci sono momenti più sensibili, di particolare brillantezza. Certamente, se questo pensiero viene dal Signore, prenderà più forza e consistenza. Se, invece, è passeggero… passerà come le nuvole nel cielo, durante una giornata di vento.

Commenti chiusi