La Nebbia


“Ogni giovane vive alcune difficoltà significative nella sua scoperta vocazionale” 


 

È il momento in cui il ragazzo, o la ragazza, si sente smarrito. Non capisce più nulla, come se improvvisamente si perdessero i punti di riferimento. Un sentimento di stizza verso il giorno in cui è cominciato tutto: quasi si prova invidia verso i propri coetanei che «sono “normali” e non si fanno tante paranoie come invece succede a me». È una fase sofferta che posso riempire di rumori, di mille cose da fare, mille esperienze da vivere… mille sotterfugi e corse lontano. 

Ma poi, quando la musica dello stereo si spegne, quando rientro nella stanza del mio cuore… sento ancora bussare alla porta. È a questo punto che molti si fermano. Rinunciano al dono di fare chiarezza, di sentirsi “liberi dentro”. C’è un errore di fondo in questo atteggiamento: pensare che tanto ho ancora molto tempo di fronte a me. «Non c’è poi così fretta. “Non muore nessuno”. Posso anche, per il momento, prendermi una vacanza, lasciare momentaneamente questo cammino. Oltretutto, Dio è eterno!». 

Sentimento: nasce dentro di noi un duplice atteggiamento: da una parte, quello di lasciare perdere tutto; dall’altra, quello di voler ritrovare quella pace e quella serenità che, all’inizio, mi dava così tanto ottimismo e voglia di cercare. Sentimento di non trovare il Signore o, se prego, di sentire con più forza la realtà di un progetto che mi fa tanta paura. 

Consiglio: non disperare, non chiedere sconti a Dio. Non pretendere che i Suoi cammini scivolino in accomodamenti personali o scorciatoie. Il Signore è il primo interessato affinché la vita di ciascuno di noi sia nella pace e trovi il senso più giusto. La nebbia, prima o poi, svanirà. Può essere maturato il tempo per fare un “corso di discernimento vocazionale”. Non basta più un ritiro o un fine settimana di preghiera. Non aver paura di aprire la porta del cuore e abbi il coraggio di vedere dentro. Abbiamo bisogno di chiedere il dono della fede e di “fidarci” di Lui. È vero, la mia “possibile” chiamata rimane sfocata, ma sono già in possesso di più indizi di quanto non creda.

Commenti chiusi